view_lista_news

Benvenuti!

Lo staff dei Musei Unipd si allarga

 

Negli ultimi due mesi il personale del Centro di Ateneo per i Musei si è arricchito di nuove importanti figure, affidate a professionisti dai profili altamente qualificati: potremo così implementare le attività conservative e di restauro dei nostri reperti, anche ai fini di una loro corretta esposizione all’interno dei nuovi percorsi museali in realizzazione, incrementare la ricerca scientifica sulle collezioni museali e arricchire l’offerta di accesso ai beni museali anche tramite strumenti digitali, prevedendo inoltre delle nuove attività dedicate a categorie sociali svantaggiate.

Prima ad unirsi allo staff CAM è stata Elena Santi, nuovo Tecnico responsabile del Museo dell’Educazione. Laureata in Archeologia nella nostra Università, Elena ha iniziato la sua esperienza in Ateneo con il Servizio Civile presso la Biblioteca dell’Orto Botanico e dopo un periodo di lavoro alla Segreteria contabile della Facoltà di Scienze Politiche, si è trasferita alla Segreteria del Rettore a Palazzo Bo, dove negli anni ha collaborato alle attività di conservazione e valorizzazione del suo straordinario patrimonio storico. Nei prossimi mesi seguirà la programmazione degli interventi conservativi delle collezioni del Museo e lo studio, assieme a docenti, assegnisti e dottorandi del Dipartimento Fisspa, dei nuovi percorsi espositivi e tematici da presentare nel corso del 2022.

Simone Molinari è il vincitore del consorso per Tecnico delle Collezioni mineralogiche e petrografiche. Laureato in Scienze geologiche all’Università di Genova, ha svolto il dottorato di ricerca presso il Dipartimento di Geoscienze del nostro Ateneo, conducendo una serie di studi sulla bonifica sostenibile di siti industriali contaminati in collaborazione con il centro di eccellenza in ambito nanotecnologico CATRIN. Ricercatore post-doc impegnato anche in attività didattiche e divulgative, al CAM sarà impegnato accanto al conservatore del Museo di Mineralogia nello studio, catalogazione e gestione delle collezioni mineralogiche e petrografiche del nostro Ateneo, e nella preparazione dei nuovi percorsi espositivi e tematici delle sale di mineralogia per il futuro Museo della Natura e dell'Uomo.

Vincitore del concorso per Tecnico delle Collezioni antropologiche e zoologiche è invece risultato Salvatore Restivo, naturalista e museologo, laureatosi in Scienze Naturali presso l’Università di Messina e dal 2012 Tassidermista abilitato. Negli anni ha collaborato nel campo della museologia scientifica, della gestione faunistica e dell’educazione ambientale con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Italiana in Albania, il Civico Museo di Scienze Naturali di Voghera, il Museo Kosmos dell’Università di Pavia, il Museo Zoologico dell’Università di Messina, il Corpo Forestale della Regione Siciliana e con altri Enti pubblici e privati. Il suo incarico al CAM riguarderà principalmente la cura, la conservazione e la gestione dei reperti biologici, che costituiscono le collezioni Zoologiche e Antropologiche del nostro Ateneo.

Fanny Marcon è infine la vincitrice del concorso per Conservatore museale per il patrimonio storico della strumentazione scientifica e delle macchine dell’Ateneo. Esperta in strumentazione scientifica storica, vanta un profilo internazionale, con un dottorato in Histoire et philosophie des sciences all'Università di Parigi e un periodo di formazione presso l’History of Science Museum di Oxford. Nel 2017 ha vinto il premio per la storia della fisica promosso dalla Società italiana di fisica con il volume Gli strumenti del pre-cinema del Museo di Storia della Fisica dell'Università di Padova, curato assieme a Sofia Talas e Giulio Peruzzi. Nel suo nuovo ruolo si occuperà delle Scattered collections, ovvero il patrimonio scientifico e tecnologico diffuso dell'Università, e del Museo delle Macchine "Enrico Bernardi".

A tutti loro il nostro benvenuto al Centro di Ateneo per i Musei e gli auguri di buon lavoro!

view_lista_news_archivio